Venerdì, 21 Ottobre 2022 13:42

100 anni di Consorzi di Bonifica In evidenza

“100 anni di consorzi di bonifica”, convegno promosso da FAI CISL Veneto, questa mattina a San Donà di Piave per celebrare i 100 anni del Congresso Regionale delle Bonifiche che proprio a San Donà di Piave, nel 1922, ha posto le basi della moderna bonifica “integrale” che unisce pratiche di sanificazione e sicurezza idraulica a pratiche irrigue.


Perché, nelle parole di Onofrio Rota, segretario generale di Fai Cisl nazionale, “La bonifica è un valore per il Paese, per l’ambiente, per gli agricoltori e per tutti i cittadini.”
“L’iniziativa di oggi promossa da FAI CISL si inserisce bene nel solco delle attività dei consorzi di bonifica coordinati da ANBI finalizzate a far conoscere il lavoro della bonifica e , attraverso esso , le peculiarità dei territori - ha affermato il presidente di ANBI Veneto Francesco Cazzaro” -. A 100 anni dal convegno che ha posto le basi della bonifica “integrale”, oggi possiamo parlare anche di una bonifica “integrata”, perché i consorzi, nel vedere sempre più ampliare le loro funzioni, vedono aumentare anche la collaborazione con enti - regione, comuni, multi utility e altre realtà che operano in ambito economico , ambientale e sociale - che operano per la gestione del territorio e riconoscono nei consorzi specifiche competenze.

fai01 fai02

fai05 fa104

"I Consorzi di Bonifica - ha aggiunto durante la tavola rotonda il presidente di Cia Veneto Gianmichele Passarini - sono fondamentali per il mondo dell’agricoltura, a patto che ci siano persone competenti e preparate. È con questo spirito che nel 2019, per la prima volta da tempo, le associazioni agricole si erano presentate in modo unitario alle elezioni per il rinnovo delle cariche nei Consorzi. Una operazione di buon senso, che metteva assieme le forze delle associazioni agricole per un interesse comune: quello di un territorio sicuro. Il programma di quella lista è la risposta alla sua domanda: più efficienza e meno costi, per ridurre i contributi a carico dei contribuenti; più attenzione per l’irrigazione e la produttività agricola, impegno per la salvaguardia del territorio, più sicurezza per case, capannoni e terreni agricoli. E come dicevo all’inizio, i nostri candidati, che poi sono entrati nei Consorzi con ruoli di primo piano, sono profondi conoscitori del territorio e delle esigenze degli agricoltori. Vorrei anche ricordare che già nel 2019, nel momento di presentazione dei candidati Cia, avevamo posto la necessità di puntare sulla qualità e disponibilità dell’acqua nei periodi di siccità, che già allora ci apparivano più frequenti".

fai07

Letto 151 volte Ultima modifica il Mercoledì, 16 Novembre 2022 08:58
Meteo Veneto

turismo verde

Chi siamo

La Confederazione Italiana Agricoltori del Veneto è la struttura della Cia che opera nel territorio veneto. È un’organizzazione laica, autonoma dai partiti e dai governi, che lavora per il progresso dell'agricoltura e per la difesa dei redditi e la pari dignità degli agricoltori nella società, rappresentando oggi oltre 35.000 aziende.

Leggi tutto...

Notizie Europa

Feed non trovato